Progettare uffici per il benessere lavorativo

Cosa significa stare bene sul luogo di lavoro? Che si tratti di un ufficio o di una postazione per lo smart working, il benessere deriva dalla progettazione dello spazio. In questo articolo ti raccontiamo come anche le finestre contribuiscono a farti lavorare meglio!

allargare una finestra

Sede del quotidiano La Stampa a Torino, serramenti in alluminio Schüco

Le nostre modalità di lavoro sono cambiate all’improvviso: la pandemia di Covid-19 ha scardinato in tempi brevissimi quelle che erano abitudini radicate e ha introdotto in Italia (per la prevenzione dei contagi inizialmente) pratiche come il telelavoro e lo smart working. Oggi il lavoro si divide tra casa e ufficio: due luoghi che cominciano a somigliarsi.

In un articolo online della rivista Domus, pubblicato a marzo 2021, si parla di “Distributed Work” (lavoro distribuito) e di come alcune aziende specializzate nel settore degli arredi per gli uffici stiano sperimentando nuove soluzioni di design per spazi sempre più ibridi e stiano lanciando linee di prodotti per l’home office.

Nelle abitazioni private si riorganizzano gli spazi in funzione delle postazioni di lavoro, mentre in ufficio si ricerca un ambiente flessibile, che risponda alle esigenze di diverse persone in momenti differenti, dove potersi prima di tutto relazionare con i colleghi (e coltivare l’aspetto umano che tanto è mancato nei periodi di lockdown).

Alla luce di queste trasformazioni quali sono quindi gli aspetti imprescindibili per progettare uffici e postazioni di smart working? Vediamone insieme 3.

3 aspetti importanti per la progettazione di uffici e spazi di lavoro

allargare una finestra

Sede Progetto CMR a Milano, infissi in alluminio Schüco

1)Le necessità delle persone plasmano lo spazio

I mestieri non sono tutti uguali e di conseguenza anche le esigenze durante l’orario di lavoro sono diverse. Qualche esempio? Un manager di una filiale deve spesso essere presente a riunioni dal vivo e online e quindi ha bisogno nel primo caso di una sala riunioni confortevole dove poter accogliere clienti, fornitori e colleghi e, nel secondo caso, di uno spazio a casa che sia tranquillo e isolato acusticamente. Il silenzio è la prima forma di concentrazione e di benessere: noi in Schüco lo sappiamo bene e abbiamo progettato diverse soluzioni di infissi con elevate prestazioni acustiche. Se vuoi approfondire l’argomento abbiamo dedicato un articolo alle finestre anti-rumore.

Per progettare un ambiente di lavoro (un ufficio o un home office), quindi, il primo aspetto da tenere in considerazione è la conoscenza delle reali necessità delle persone che lo abiteranno.

2)Design nel rispetto delle normative vigenti

Estetica, funzionalità e rispetto dei requisiti imposti dalla normativa per i luoghi di lavoro sono le caratteristiche del perfetto design per l’ufficio. Sono tre le condizioni che devono essere garantite:

  • Comfort posturale
  • Comfort acustico
  • Comfort visivo.

E questo vale sia per gli uffici, sia, ove possibile, all’interno degli spazi domestici.

Una postazione di lavoro, ad esempio, deve intonarsi con l’arredamento circostante, ma deve essere prima di tutto ergonomica. Una sedia per lavorare a norma di legge deve avere caratteristiche che permettono a una persone che sta seduta per molte ore di seguito di mantenere una postura corretta, come un buon appoggio lombare e la possibilità di regolare l’altezza della seduta.

Oltre alla scelta degli arredi entra in gioco anche la progettazione acustica dello spazio. Come dislocare le postazioni in base alle esigenze di chi lavora? Ad esempio, se qualcuno ha necessità di fare tante telefonate, avrà bisogno di un luogo isolato, oppure, nel caso di un open space, di una scrivania dotata di pannelli divisori  fonoassorbenti, per evitare di disturbare le altre persone presenti. Il benessere uditivo non deriva solo dall’assorbimento dei rumori interni, ma anche dall’isolamento di quelli provenienti dall’esterno. Se, ad esempio, l’ufficio o l’abitazione, si trova in una zona trafficata, è consigliabile installare infissi performanti dal punto di vista del fonoisolamento, per attutire i suoni che provengono dalla strada. Un altro esempio virtuoso del design di interni per il benessere uditivo sono le cosiddette “pareti di verde verticale”: una soluzione di grande impatto estetico e con numerosi benefici per la salute. Le piante purificano l’aria negli ambienti chiusi e creano una barriera che isola i rumori più fastidiosi.

Anche la distribuzione dei punti luce è regolamentata da una legge, che indica i requisiti di illuminazione naturale e artificiale che un luogo di lavoro deve rispettare. Ne parleremo in modo più approfondito nel prossimo paragrafo.

3)Luce naturale e artificiale, stimoli diversi per l’occhio

allargare una finestra

Sede Progetto CMR a Milano, infissi in alluminio Schüco

Un altro aspetto da curare nei dettagli è l’impianto illuminotecnico: per garantire un benessere lavorativo, sia a casa che in ufficio, bisogna dotare le scrivanie di lampade ad intensità regolabile, in modo da personalizzare la quantità di luce nell’arco della giornata. Un’opzione ottimale sono le lampade che regolano la luminosità in automatico a seconda dell’ora del giorno, simulando il movimento dei raggi solari e mantenendo gli occhi sempre attivi. Una luce fissa, infatti, dopo un lungo periodo di esposizione affatica lo sguardo e influisce sulla perdita di concentrazione.

La soluzione ideale è lasciare massimo spazio alla luce naturale e quindi alle finestre per godere anche degli ultimi raggi solari (e della vitamina D!). Gli infissi in alluminio Schüco mantengono i profili sottili anche con grandi specchiature, per massimizzare la superficie trasparente . Ma non bisogna dimenticare che anche la luce naturale va “dosata” all’interno degli ambienti, per garantire una buona visibilità (ad esempio dello schermo di un device) e regolare l’intensità dei raggi solari a seconda della temperatura esterna. Per farlo al meglio è possibile utilizzare sistemi di schermatura solare all’avanguardia, come quelli del nostro partner Warema.

Benessere a 5 sensi

allargare una finestra

Sede Progetto CMR a Milano, infissi in alluminio Schüco

Dall’udito alla vista, fino al comfort tattile e quello olfattivo, (con i profumatori d’ambiente e le finestre a ventilazione automatica che permettono di arieggiare ed eliminare l’odore di chiuso) stare bene in un luogo è una sensazione che coinvolge tutte le nostre percezioni. Per realizzare uffici e case in funzione delle persone servono partner con la giusta sensibilità per ascoltare, comprendere e tradurre le tue esigenze in un progetto. Ma soprattutto hai bisogno di professionisti che sappiano eseguire i lavori di installazione, (ad esempio dei serramenti) a regola d’arte, per garantirti prestazioni che durano nel tempo.

Per la progettazione degli infissi del tuo ufficio o del tuo home office, affidati alla rete di serramentisti esperti di Schüco Italia.